HOME CHI SIAMO SPETTACOLI TEATRO S. CARLO L. CORSI CONTATTI


"Le avventure di Calandrino"

Commedia musicale di Roberto Bencivenga, da Boccaccio


Lo sciocco pittore Calandrino, la moglie Monna Tessa e i due compari burloni Bruno e Buffalmacco sono i protagonisti di questa commedia musicale, il cui testo è tratto dalle celebri novelle del Boccaccio. Un divertentissimo spettacolo nato quindici anni fa, che ha sempre avuto grandissimo successo nelle passate edizioni, grazie anche all’elegante regia di Roberto Bencivenga, che ha arricchito il già comicissimo testo di brillanti canzoni.



Edizione 2011

 


Con

Calandrino: Francesco Ladi
Bruno: Roberto Bencivenga
Buffalmacco: Fabio Fantozzi
Monna Tessa: Daniela Bracci

Scene: Leonardo Baglioni
Regia: Roberto Bencivenga




Edizione 2006

TEATRO: "LE AVVENTURE DI CALANDRINO"

Secondo appuntamento, sabato 21 aprile, al teatro Pasquale De Angelis di via Ballarin che presenta “Le avventure di Calandrino”. Regia Roberto Bencivenga.

ROMA  - Sabato 21 aprile l’XI municipio ha proposto presso il teatro “Pasquale de Angelis”, un’altra commedia musicale in due tempi riscritta e diretta da Roberto Bencivenga. Si tratta di una rassegna di spettacoli per i grandi e per i bambini che prevede la messa in scena di noti testi letterari. Sabato 14 aprile, Bencivenga è andato in scena con la prima delle sue rappresentazioni, “Il fantasma di Canterville”, di cui è stato anche interprete, ottenendo un successo non indifferente. Questa volta può godersi lo spettacolo tra il pubblico e non riesce a trattenersi dal ridere per la comicità con cui gli attori interpretano personaggi nati dalla penna di Boccaccio e reinventati circa 10 anni fa dallo stesso regista. Bencivenga pensa ad una commedia spumeggiante, “Le avventure di Calandrino”, o meglio, le disavventure di Calandrino, un povero artista, un po’ tonto, ma anche tanto buono, onesto e simpatico. E’ un personaggio semplice ed ingenuo che dice sempre tutto quello che pensa; la sua troppa fiducia nel mondo e nelle persone che lo circondano lo porta spesso a non capire chi è realmente sincero con lui. Francesco Ladi, interprete di Calandrino, colpisce nel segno e diverte sia gli adulti che i bambini perché sin dall’inizio indossa lo spirito del personaggio che, in un certo senso, sembra ormai far parte di lui. Un’impeccabile spontaneità gli permette di interagire con gli oggetti in scena e con gli altri personaggi dando vita a gag comiche a cui è impossibile resistere. D'altronde è impossibile resistere allo stesso Calandrino perché in fondo è un bambino un po’ cresciuto e, per questo, fa tenerezza. L’energia di Calandrino è, ovviamente, alimentata dall’ entusiasmo con cui gli altri interpreti indossano ognuno il proprio buffo personaggio. Bruno (Alessandro Micantonio) e Buffalmacco (fabio Fantozzi), compari burloni, non potrebbero esistere senza Calandrino perché il loro compito nella storia è semplicemente quello di prendersi gioco di lui; al contrario Calandrino ha il compito di essere così com’è e può manifestare la sua essenza ad un pubblico solo grazie ai compagni e alla moglie Monna Tessa (Stefania Buttarelli), una donna stanca della routine e soprattutto di avere un marito distratto che non riesce mai a portare a termine un compito assegnatogli. Roberto Bencivenga ha dato vita ad una commedia brillante e scoppiettante che inevitabilmente cattura l’attenzione dello spettatore grazie al ritmo e all’energia con cui è riuscito a rendere vivi i personaggi di Boccaccio.

Valeria Nardella


Edizione 1996











 

HOME CHI SIAMO SPETTACOLI TEATRO S. CARLO L. CORSI CONTATTI